Tortini Salati Senza Lievitazione

image

Dovete preparare un aperitivo improvvisato con amici, ma volete comunque proporre qualcosa di sfizioso? ….Questi tortini-muffin salati senza lievitazione potrebbero essere una buona idea per un finger food d’effetto,  ma di veloce realizzazione 🙂 .

INGREDIENTI :

  • 200 g di farina 0
  • 200 g di farina 1 (semi-integrale)
  • 100 g di farina 2 (integrale)
  • 270 g di acqua
  • 30 g di olio extra vergine di oliva
  • 1 bustina di lievito istantaneo “NON VANIGLIATO”
  • 1 cucchiaino di sale
  • 1 pizzico di zucchero di canna

PER IL RIPIENO:

  • 230 g di pomodoro pelato
  • 700 g di passata di pomodoro
  • 400 g di melanzane
  • 1/2 cipolla
  • 1 spicchio di’aglio intero
  • Finocchietto q.b
  • Mozzarisella a cubetti
  • Olio extra vergine di oliva q.b.
  • Sale q.b.
  • Peperoncino q.b.

PER LA MARINATA DEL SEITAN:

  • 100 g di seitan tagliato a quadrucci
  • 1 misurino di tamari
  • 1 giro di evo
  • Paprika dolce q.b.
  • Aglio in polvere q.b.
  • Cipolla in polvere q.b.
  • Paprika piccante q.b.

PROCEDIMENTO:

Tagliare il seitan in quadrucci e metterlo da parte a marinare con gli ingredienti citati in ricetta. Intanto preparare i pirottini o la teglia per i muffin, e curarsi di ungere lo stampo con una miscela liquida di olio e farina, cosicché l’impasto non si attacchi in cottura.

In una casseruola rosolare mezza cipolla tritata e 1 spicchio d’aglio intero (semplicemente sbucciato e intaccato con la lama del coltello). Affettare la melanzana a cubetti e rosolare a fiamma viva. Aggiungere il finocchietto fresco tritato ed il pomodoro pelato e regolare di sale e peperoncino. Aggiungere la passata di pomodoro e terminare la cottura con un coperchio con valvola di sfiato. Adesso che il nostro condimento è in cottura, versare nel Cuisine Companion la farina, l’acqua, lo zucchero, il lievito, l’olio, il sale ed impastare col programma impasti P2, fino ad ottenere un composto compatto ed omogeneo.

Per quanto riguarda il seitan, se avete poco tempo per rosolarlo in padella, sarà sufficiente porlo in un contenitore adatto al microonde (con tutta la marinata) disponendolo in maniera piuttosto distanziata, e lasciarlo andare alla massima potenza (950 watt nel mio caso) per due minuti. A questo punto sarà pronto per essere utilizzato.

Preriscaldare il forno a 180 gradi e dedicarsi all’impasto: dividerlo in 12 palline di eguale dimensione e stenderne ognuna dandogli una forma circolare. Al centro di ogni cerchietto porre un po’ di pomodoro e melanzane, il seitan a pezzettini, una spruzzata di olio evo, una spolverata di formaggio in polvere vegan e, se gradite, qualche cubetto di mozzarisella.  Per aiutarvi ulteriormente potrete porre i cerchietti già all’interno dello stampo e finire di riempirli già lì, oppure  chiudere l’impasto a mo’ di fagottino (qualora voleste ottenere dei muffin veri e propri)  ponendo sopra ognuno dei fagottini un cucchiaino di sugo, un filo d’olio, e magari un po’ di origano.

image

image

image

Infornare, facendoli cuocere per una ventina di minuti a 180°.

image

Siamo pronti per sfornare e portare in tavola 😉 !

N.B. Questa ricetta si presta bene all’impiego di qualsiasi condimento, onnivoro, vegano o vegetariano, e può diventare una sorta di ricetta “svuota frigo”, comoda per far fuori gli avanzi o gli alimenti vicini a scadenza 🙂 .

 

Panzerotti Vegan Ripieni di Formaggio alle Mandorle, Erbette, Pistacchio e Seitan

Traendo ispirazione da una ricetta del “Goloso Mangiarsano” , e unendo un po’ di rimasugli con un pizzico di fantasia, stasera sono venuti fuori questi 🙂 .

INGREDIENTI:

  • 200 g di farina integrale
  • 200 g di farina semi-integrale tipo 1
  • 400 g di latte di soia
  • 4 cucchiai di olio evo
  • 2 cucchiaini di sale

PER IL RIPIENO:

  • formaggio di mandorle home-made (ricavato dallo yogurt fatto in casa)
  • erbette varie tritate: erba cipollina – basilico – poco prezzemolo
  • 1 cucchiaio di olio aromatico al basilico (ricetta qui)
  • 1 spolverata di pepe
  • 1 spolverata di granella di pistacchio
  • 30 g di seitan al naturale marinato** tagliato a quadratini

PER LA MARINATURA**:

  • 1 misurino di tamari
  • 1 giro di olio evo
  • 1 spolverata di paprika dolce
  • 1 di paprika piccante affumicata
  • 1 spolverata di pepe bianco
  • 1 pizzico di peperoncino

PREPARAZIONE:

Iniziare con la preparazione dell’impasto col Cuisine Companion. Versare i liquidi (latte/olio) e sale nel boccale e scaldare per 2 minuti a 100° velocità 3, utilizzando la lama impasti. Aggiungere le farine setacciate e, con la stessa lama, continuare ad impastare a velocità 5 per due minuti. Lasciare raffreddare un attimo, e formare la classica palla. Affettare il seitan a quadratini e metterlo a marinare con le spezie dettagliate negli ingredienti, o con quelle che preferite di più, in maniera che si insaporisca più possibile. A questo punto tirare fuori dal frigorifero il formaggio di mandorle, derivato dallo sgocciolamento dello yogurt di mandorle fatto in casa*** (se dovesse interessare preparerò più avanti questo post per la sezione “autoproduzione”). Porre il formaggio in una terrina, unire l’olio aromatico al basilico, le erbette tritate ed emulsionare brevemente. Mentre l’impasto continua a riposare, dedicarsi a rosolare in una casseruola il seitan con un po’ di cipolla tritata ed un filo di olio evo.

Adesso è tutto pronto e possiamo dedicarci a dar vita ai nostri panzerotti 🙂 .

Su una spianatoia infarinata, stendere l’impasto e tirarlo con un matterello, ottenendo una sfoglia che non superi un millimetro di altezza. Ritagliare con un coppa-pasta dei cerchi di circa 10 cm, porre una cucchiaiata di formaggio, qualche pezzetto di seitan aromatizzato e 1 spolverata di granella di pistacchio su una metà del disco, nonché ripiegare l’impasto su sé stesso così da formare una mezza luna. Inumidire leggermente i bordi prima di sigillare i margini con i rebbi di una forchetta, in modo che in cottura il nostro ripieno non esca fuori.

DSC_1415

A questo punto non dobbiamo che cuocere i panzerotti come preferiamo, in forno o in padella…Tal quali, o “panandoli” con del pangrattato o della farina di mais e una pastella leggera di farina di ceci e acqua, che faciliti così l’adesione della “panatura” , assolvendo le veci dell’uovo.

DSC_1420

DSC_1422

Io ho cotto i panzerotti in padella, con  un “filo filo” di olio di semi. Se li provate, fatemi sapere se il connubio di sapori vi è risultato gradito 🙂 . Buon appetito!!!

N.B. *** Chiaramente per la realizzazione del ripieno è possibile utilizzare qualsiasi altro tipo di formaggio vegan a pasta molle.

Polpettine di Soia e Pan-Pizza Fritto (di Recupero)

DSC_4076

Come avrete ormai captato, io proprio odio gli sprechi di qualsiasi genere, tanto più quelli di tipo alimentare….

La ricetta di oggi è semplice e veloce, e se avete fatto anche voi i miei “Spaghettini con tritato di soia aromatico in salsa di anacardi” e vi è rimasto un po di tritato di soia già cotto e aromatizzato, vi consiglio assolutamente di provare senza pensarci due volte 🙂

INGREDIENTI:

  • 15  g di tritato di soia (rosolato con un po di cipolla, peperoncini dolci, zenzero, pomodorini e sfumato con vino bianco)
  • 1 cipolla medio-grande
  • 1 carota grande
  • 20 g di pomodorino
  • 4 palline di pane pizza avanzato (o del pane raffermo bagnato nel latte e strizzato)
  • 35 g di pangrattato
  • 4 g di semi di zucca tritati al coltello
  • 1 spolverata di noce moscata
  • 1 spolverata di paprika piccante
  • Sale q.b.

PREPARAZIONE:

Affettare una cipolla a spicchi e tritare grossolanamente una carota al coltello. Aggiungere un giro di evo e un pizzico di sale e mettere in microonde alla massima temperatura per 3 minuti (nel mio caso a 950 watt). Contestualmente in un mixer tritare il pane pizza avanzato, o il pane raffermo ammollato e ben strizzato. Unire la carota e la cipolla rosolate al micro, e mixare aggiungendo il pomodorino previsto dalla ricetta, il tritato di soia avanzato, il pangrattato, e solo alla fine le spezie e i semi di zucca tritati. Regolare di sale e cuocere al forno o in padella.

DSC_4075

DSC_4079

DSC_4069

Le nostre polpettine sono pronte!!!!

Quiche Vegan con Zucchine e Miglio al ragù di Seitan

DSC_1836

Oggi un secondo piatto veloce e sfizioso che si pone anche l’obiettivo di reinventarne un’altro sempre proposto dalla nostra cucina 🙂 . Ci riferiamo al “Miglio al ragù di Seitan con Funghi e Patate“.

Ne era avanzato un po’, e come buttare questa bontà nella pattumiera…. E poi perché mai farlo visto che la fantasia non ci manca?!

Da questo presupposto nasce questa variante di quiche vegana.

INGREDIENTI:

  • Pasta sfoglia rotonda vegan e senza grassi idrogenati già pronta (ma se la fate voi sarà senz’altro più buona 🙂 )
  • il miglio avanzato dalla nostra preparazione precedente (saranno stati 60 g circa comprensivi di condimento)
  • 2 belle zucchine
  • 1/2 cipolla tagliata a fette
  • 55 g di farina di ceci
  • 80 g di acqua
  • sale q.b.
  • semi di papavero q.b.

PREPARAZIONE:

Iniziare preparando la crema di ceci a freddo con i 55 g di farina di ceci, 80 g di acqua e il pizzico di sale. Mescolare fino ad ottenere un composto senza grumi e mettere da parte.

Per esigenze di tempo, per rosolare cipolle e zucchine, ho utilizzato il microonde. Ho preparato due tazze in ceramica con l’imboccatura larga, adatte al microonde. In una ho tagliato a fette la cipolla, aggiunto un pizzico di sale e 1 spruzzata di olio evo, nell’altra ho posto le zucchine tagliate a rondelle, 1 pizzico di sale, olio evo, 1 spolverata di pepe nero e 1 di aglio in polvere (o 1 spicchio d’aglio fresco spremuto), ho impostato la massima potenza (nel mio caso 950 watt) per 3 minuti, avendo cura a metà cottura di mescolare gli alimenti in entrambe le tazze. Se avete poco tempo questo metodo vi sarà certamente d’aiuto, lasciandovi per altro a “mani libere” potendovi così dedicare ad altro.

Nel frattempo porre sul piatto crisp la pasta sfoglia (con tanto di carta forno se volete) e curarsi di bucherellarne il fondo con una forchetta.

Siamo pronti per mischiare insieme i nostri ingredienti e porre il composto sulla sfoglia, ricavando il bordo ripiegando la sfoglia su se stessa, e cospargendolo (se ci aggrada) di semi di papavero o dei semi che più gradiamo.

DSC_1811

14 minuti di cottura crisp..

DSC_1828

DSC_1838

..e la nostra torta salata è servita!

Hamburger Vegan di Lenticchie al Curry – Ricetta riciclo

DSC_0010

Se avete fatto il “dahl”, cioè la zuppa di lenticchie al curry che ho pubblicato ieri, e ve ne fosse avanzato un po’, questa può essere un’idea per dargli nuova vita 🙂 .

Sarà sufficiente porre il quantitativo rimanente su fuoco moderato, in una padella antiaderente (o in pietra preferibilmente) e lasciare andare, mescolando frequentemente, finché non si siano persi la maggior parte dei liquidi per evaporazione, nonché porre a raffreddare finché quantomeno tiepido.

A questo punto, alla “pasta” rimanente, andremo ad aggiungere:

  • Farina di riso per la ricetta senza glutine (altrimenti potreste preferir di utilizzare crusca di avena)
  • Farina di ceci
  • Mandorle tritate
  • Coriandolo fresco tritato (ma andrà ugualmente bene quello secco macinato)
  • Sale se lo reputaste necessario
  • Una spolveratina di pepe bianco se gradite

Impastiamo gli ingredienti, formiamo i nostri hamburger, e giriamoli nel pangrattato senza glutine (o in quello classico nel caso in cui non aveste problemi di intolleranze). Non manca che cuocerli 🙂 !

Ottimi in padella leggermente oleata o al forno tradizionale, ma vengono benissimo anche cotti con il piatto crisp al microonde; io ho scelto proprio quest’ultimo tipo di cottura .

DSC_0008

Ecco i miei panini** conditi con lattuga ice-berg, insalata di pomodoro fresco, cipolla e un giro di olio aromatico al basilico fatto in casa!

** N.B. I panini di cui al link ipertestuale non sono adatti ai celiaci, per cui assicuratevi di scegliere un’alternativa glutine free.**

Panini morbidi al latte vegetale – Ricetta Cuisine Companion – Absolutely Vegan

DSC_0065

INGREDIENTI:

  • 250 gr farina Manitoba
  • 250 farina 00
  • 10 gr. Lievito di birra fresco (oppure 3 g di quello secco)
  • 200 ml. Latte di soia
  • 20 ml di latte di cocco
  • 60 ml. acqua
  • 60 gr. di margherina senza grassi idrogenati (magari autoprodotta)
  • 15 gr. circa di zucchero di canna
  • 2 cucchiaini rasi di sale.

PREPARAZIONE:

Mettere nel boccale la lama impasti, lievito, acqua, zucchero e latte vegetale ed impostare manualmente: 2min – 40gradi – vel 2.
Unire la farina e impostare il programma impasti P1 per 2 minuti.
Aggiungere per ultimi margherina vegetale e sale, nonché  re-impostare nuovamente il programma impasti P1 per 1 minuto.
Fare lievitare coperto per un paio d’ore (anche nel “compagno di cucina”, come lo chiamo io 🙂  ).

Dopo le due ore riprendere l’impasto e dare la forma dei panini facendo la pirlatura, cioè roteandoli sul piano di lavoro, nonché spennellarli con un po’ di latte vegetale e cospargerli di semi di sesamo (o dei semi che preferite)..

N.B. qualora non disponeste di questo robot procedete come di consueto con la planetaria, oppure a mano, facendo la classica fontana, etc, etc.

10924754_10205273673057929_1013589829586102469_n

Io li ho preparati e impostati direttamente sulla leccarda rivestita di carta forno e messi in forno ventilato spento (preriscaldato a 50 gradi) a terminare la lievitazione per almeno un’altra ora (meglio due) insieme ad una tazzina d’acqua, che si può mantenere in forno anche durante la cottura, al fine di mantenere la giusta umidità.
Al termine della lievitazione preriscaldare il forno ventilato a 180° ed infornare x 15 min circa, o cmq fino a doratura completata.

I vostri panini morbidi al latte vegan sono pronti 🙂 .

DSC_0075